Progetto Caduceo
left.jpg Torna indietro  

KINESIOLOGIA APPLICATA

Come contattare il subconscio
e verificare se un prodotto fa bene oppure no

Sommario


I test che seguono rappresentano un modo in cui la mente subconscia (istinto) riesce a comunicare con noi fornendci delle informazioni utili a cui la logica della mente razionale non riesce ad accedere.

Disclaimer. Tutte le metodologie, le tecniche, i rimedi suggeriti e quant'altro proposto in www.procaduceo.org, sono ad esclusivo scopo didattico e non sostituiscono il medico, a cui bisogna rivolgersi per i problemi relativi alla salute. Pertanto il sito www.procaduceo.org, non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni o problemi, causati dall'utilizzo delle informazioni proposte, oppure da una formulazione di diagnosi o autodiagnosi i cui risultati sono risultati nocivi.


LA TECNICA DELLA RISPOSTA LAMPO

Premessa up.jpg

L'uomo, a differenza dell'animale, non si adatta all'ambiente, ma adatta l'ambiente a se stesso. Questo gli è possibile perché è dotato di quelle meravigliose possibilità che la mente fornisce. In effetti la mente gli ha permesso di vivere diffondendosi su tutto il pianeta, mentre gli altri animali superiori devono vivere in aree ben determinate.

La mente, fondamentalmente, si è sviluppata perché l'organismo possa sopravvivere. Vi sono però due esigenze necessarie alla sopravvivenza: l'esigenza di una risposta immediate (istintiva) e quella di una risposta a lungo termine riguardante, non tanto il momento attuale, ma il futuro (risparmi, casa, assicurazioni, vecchiaia, ecc.). Queste due differenti funzioni vengono svolte da due livelli diversi della mente e precisamente dalla "mente subconscia" e dalla "mente razionale".

È perciò possibile attribuire la risposta immediata (stimolo/risposta) alla mente istintiva e la risposta ragionata, che necessita di un tempo più lungo, alla mente razionale.

Se consideriamo coma la mente istintiva abbia, come compito primario, la sopravvivenza dell'individuo possiamo capire perché, in una situazione di vero o presunto pericolo, essa prenda completamente in mano la situazione, inibendo così temporaneamente le funzioni della mente razionale. La velocità con cui ritiriamo una mano da qualcosa che scotta ne fornisce un chiarissimo esempio.

Ne consegue che, se mettiamo una persona in una situazione di pace e serenità (rilassata con gli occhi chiusi in un ambiente tranquillo), e quindi le facciamo una domanda creando un suono improvviso (presunto pericolo), la mente instintiva prenderà il sopravvento e risponderà. Una curiosità: non tutti sanno che la memoria fa parte della mente istintiva ed essa è localizzata nell'emisfero destro del cervello, ciò vale anche per i mancini.

Pertanto se poniamo una domanda, e nel contempo facciamo schioccare le dita, otterremo la risposta dalla mente istintiva, e tale risposta sarà assai accurata qualora riguardante la validità o meno di un dato prodotto. Resta inteso che la risposta si può considerare tanto più valida, quanto più viene data velocemente.

La risposta lampo vocale up.jpg

  • Fate il modo che il soggetto sia comodo e con gli occhi chiusi.
  • Dite al soggetto: "Voglio una risposta lampo, quando schioccherò le dita me la darai".
  • Formulate la domanda (ad es. "Ti fa bene il latte?"), e schioccate le dita (in alternativa battete le mani con un colpetto secco, ma non molto forte).
  • Se la persona risponde immediatamente la risposta viene dalla mente istintiva.

La risposta lampo scritta up.jpg

Un'altro modo, per aggirare il controllo continuo che, mentre siamo svegli, la mente razionale (emisfero sinistro del cervello) esercita su quella istintiva (emisfero destro), è quello di porre una domanda a cui il soggetto deve rispondere immediatamente, scrivendo la risposta. Anche in questo caso la risposta si può considerare tanto più valida, quanto più viene data velocemente.


graffa.gif graffa.gif


IL TEST CON LA KINESIOLOGIA APPLICATA

Premessa up.jpg

La Kinesiologia o Cinesiologia è una forma di biomeccanica che studia ed analizza il movimento umano. Nel 1964, il Dott. George Goodheart Jr., ha introdotto nel mondo la "Kinesiologia applicata", una metodologia che si basa sul fatto che il corpo non dice mai bugie. Oggi la Kinesiologia applicata è diventata un utilissimo strumento diagnostico per molti chiropratici, dietologi ed omeopati, che utilizzano i muscoli come un mezzo per poter dialogare con il corpo.

Il test muscolare non è altro che la risposta data dai nostri diversi sistemi energetici alle vibrazioni di determinate sostanze e persino alle affermazioni che facciamo. Ricordiamo che il nostro sistema nervoso è un'antenna lunga 37 miglia, in grado di percepire le frequenze sottili che gli strumenti scientifici non possono misurare. Mentre MRIs, EEGs e le esplorazioni del CAT, possono fornirci delle informazioni vitali, per le risposte alle frequenze più elevate molti professionisti contano su questo tipo di test che si basa sulla forza muscolare.

Nel suo libro, Medicina energetica (Ed. Tecniche Nuove), Donna Eden dice, "Se avessi il potere di influenzare l'opinione medica in un solo modo, consiglierei che i medici aggiungano il test muscolare al loro corredo di strumentazione diagnostica". Donna Eden, dichiara inoltre che per mantenersi in uno stato di buona salute è importante conoscere, e l'utilizzo del test muscolare è assai utile per determinare gli alimenti, vitamine e supplementi, che dovremmo e non dovremmo assumere nel nostro organismo.

Siccome ognuno di noi ha un sistema energetico unico, così come possiede delle uniche impronte digitali, ciò che assume ha un effetto particolare, rendendo perciò la nutrizione un aspetto specifico. Il nostro corpo risuona in accordo con determinati vibrazioni e si trova in disaccordo con altre, rilassandosi con le prime e stressandosi con le seconde. Quale strumento migliore per provare la validità di un prodotto se non quello di provare le sua reazioni nei suoi confronti?

Presupposti di base up.jpg

La Kinesiologia o Cinesiologia applicata, si basa sul presupposto che il corpo possieda una sua saggezza istintiva, che si manifesta anche con la reazione di alcuni muscoli soggetti a un dato sforzo. Pertanto la valutazione della forza di alcuni muscoli permette di diagnosticare le carenze o eccessi di energia, ovvero delle disarmonie in grado di creare disfunzioni o malattie.

Questo tipo di test si avvale di un particolare riflesso muscolare, documentato scientificamente (Metzger, 1989 [1]), anche se il suo funzionamento non è ancora stato chiarito. Accade infatti che, in presenza di un prodotto che l'organismo riconosce come "non valido", si determini un calo di forza muscolare quando la sostanza responsabile, alimento o altro, viene posta a contatto del corpo. Si pensa che questo fenomeno accada perché le emanazioni energetiche della sostanza che il corpo riconosce come "non buona", disturba l'energia organica influenzando in questo modo gli impulsi nervosi.

Per chi non conosce le possibilità offerte dal campo kinesiologico, tutto questo sembrerà alquanto inverosimile; preghiamo perciò i lettori di leggere attentamente e fare qualche prova, vi sono molte probabilità che l'esperimento riesca ed offra loro uno strumento assai utile che li accompagnerà per tutta la vita.

Ci sono svariati modi nei quali il test muscolare può essere di aiuto. Prima di farlo dovete essere sicuri di avere sufficiente energia vitale, pertanto non dovete utilizzarlo quando siete stanchi o comunque avete poca energia. In questo caso, infatti, non potrete riceverete risposte accurate.

IMPORTANTE: Se ciò che affermate è la verità i muscoli interessati risulteranno forti e lo sforzo minimo, se non è la verità o se è solo una parziale verità, sarà necessario uno sforzo molto maggiore.

Il test Kinesiologico usando il braccio up.jpg

  • 1. Ponete su un tavolo vicino a voi una bottiglia da litro con dentro circa metà contenuto.
  • 3. Affermate "Io sono un/una _____ (il vostro sesso, uomo o donna)", e provate ad alzarla, farete un po' di fatica. Prendete nota dello sforzo che dovete compiere.
  • 3. Affermate "Io sono un/una _____ (il sesso opposto al vostro)", e provate ad alzarla, noterete che dovrete fare un sforzo maggiore, oppure non riuscirete neppura ad alzarla. Ovviamente dovete "seguire" ciò che il braccio vuole o non vuole fare, non forzare!!!
  • 4. Cercate di trovare una bottiglia con il peso giusto e, con un po' di allenamento, avrete acquisito uno strumento molto valido per provare se vi fa bene un dato prodotto (alimento, bevanda, medicinale, ecc.).
  • 5. Esempio di come provare se un prodotto, diciamo le pere, vi fanno bene:
    • Affermate "Le pere mi fanno bene",
    • Provate ad alzare la bottiglia, se si alza con poco sforzo vi fanno bene, se è necessario lo sforzo che avete applicato quando avete detto di appartenere al sesso opposto non sono adatte per voi.

In alternativa

  • 1. Sdraiatevi e ponetevi comodi.
  • 2. Fate in modo che la mano destra (o la sinistra se siete mancini) si possa alzare liberamente piegando il braccio all'altezza del gomito.
  • 3. Affermate "Io sono un/una _____ (il vostro sesso, uomo o donna)", e provate ad alzare la mano, si alzerà almeno 15-30 cm senza alcuna fatica.
  • 4. Affermate "Io sono un/una _____ (il sesso opposto al vostro)", e provate ad alzare la mano, questa volta farete molta fatica o non si alzerà affatto.

Usando questa tecnica potrete fare delle affermazioni sui vari prodotti e verificare se vi fanno bene oppure no. Esempio: affermate "Il latte mi fa bene", se la mano si alza facilmente il latte vi fa bene. Se non si alza o si alza con fatica è preferibile eliminare il latte, almeno per un dato periodo.

Il test Kinesiologico usando la mano up.jpg

  • 1. Sdraiatevi e ponetevi comodi con le braccia ai fianchi, le mani con il palmo in giù.
  • 2. Fate in modo che la mano destra (o la sinistra se siete mancini) si possa alzare liberamente piegando il polso.
  • 3. Dite alla vostra saggezza istintiva: "Ora io ti farò delle domende, se la risposta è "Sì" alzerai il palmo della mano, se è "No", la lascierai appoggiata sul materassino.
  • 4. Affermate "Io sono un/una _____ (il vostro sesso, uomo o donna)", la mano si alzerà senza alcuna fatica.
  • 5. Affermate "Io sono un/una _____ (il sesso opposto al vostro)", la mano non si alzerà affatto..

È ovvio che dovrete fare un po' di allenamento, ma quando avrete ottenuto una certa dimestichezza avrete a disposizione uno strumento per chiedere alla vostra saggezza istintiva di guidarvi nella scelta di alimenti, bevande, ecc.

Il test kinesiologico con le dita up.jpg

  • 1. Ponete su un tavolo (non troppo vicini a voi) i prodotti che volete mettere alla prova.
  • 2. Sedetevi comodamente, e ponete l'attenzione sul vostro respiro. Rendetelo calmo.
  • 4. Create un anello con il pollice ed il mignolo della mano sinistra (se siete mancini usate la destra). Fatelo con naturalezza e senza troppo sforzo, quindi analizzate le sensazioni che derivano dalla pressione delle due dita. Cercate di capire quanta forza ci state mettendo per tenere un dito contro l'altro. È importante che tale forza rimanga sempre costante tutte le volte che ripeterete l'esercizio.
  • 5. Congiungete a becco d'anatra l'indice e il pollice dell'altra mano, e inseriteli nell'anello.
  • 6. Provate ad aprire l'anello spingendo con il pollice destro contro quello sinistro e l'indice contro il mignolo. Nel momento in cui riuscite ad aprirlo, analizzate quanta forza avete utilizzato.
  • 7. Prendete ora il primo prodotto da testare e ponetelo sulle vostre ginocchia.
  • 8. Ricreate l'anello con il pollice ed il mignolo della mano sinistra (se siete mancini usate la destra).
  • 9. Ricongiungete a becco d'anatra l'indice e il pollice dell'altra mano, e inseriteli nell'anello.
  • 10. Chiedete: "Dimmi, per favore, mi fa bene questo prodotto?".
  • 11. Provate ora ad aprire l'anello, scoprirete che la forza che dovete impiegare sarà maggiore, uguale o minore di quella utilizzata al punto 6. A volte il distacco avverrà con una certa fatica, altre con un'incredibile facilità. Più facile e naturale risulta l'apertura dell'anello, e tanto maggiore sarà l'utilità di quel prodotto per voi in quel particolare momento.
    Se l'anello si apre con difficoltà significa che il vostro subconscio vi avverte che quel prodotto non vi è favorevole.

In alternativa

  • 1. Ponetevi il prodotto sulle ginocchia.
  • 2. Costruite due cerchi chiusi con i pollici e gli indici delle due mani, ed intrecciateli l'un l'altro (un cerchio dentro l'altro).
  • 3. Chiedete: "Dimmi, per favore, mi fa bene questo prodotto?".
  • 4. Tirate in modo da aprire i due anelli. Se essi non si separano, o la separazione richiede forza, la risposta è No.

Dopo aver fatto un test potete ripeterlo per altri prodotti. Evitate di stancarvi, al primo segno di stanchezza sospendete e riprendete dopo qualche tempo.

Volendo potete usare questo test per tutti i prodotti che dovete scegliere: alimenti, bevande, farmaci e persino per i depliant delle vacanze.

Nota. È importante che troviate la forma corretta per porre la domanda al fine di accedere al bagaglio di saggezza del vostro subconscio. Con l'esercizio saprete quando avrete ricevuto la risposta corretta. Siate attenti, concisi e precisi nelle domande. Cominciate facendo il test per controllare i cibi e le bevande da utilizzare, i film da vedere, ecc.

Il test kinesiologico con l'ondeggiamento up.jpg

  • 1. In piedi. Appoggiatevi bene sui piedi tenendoli spaziati più o meno quanto sono larghe le vostre spalle. Fate l'esame a piedi nudi o con scarpe senza tacco.
  • 2. Disponete il prodotto da esaminare in una mano e ponetela sul vostro cuore. Appoggiate l'altra mano su quella che sta sopra il cuore.
  • 3. Dichiarate: "Questo prodotto è buono per il mio organismo".
  • 4. Chiudete gli occhi, concentratevi in voi stessi, fate un profonda inspirazione e lasciatevi andare.
  • 5. Dopo alcuni secondi sentirete il vostro corpo cadere in avanti o all'indietro. Se vi sentite cadere in avanti, significa che il vostro corpo "sta abbracciando" la sostanza ed essa è buona per lui. Se vi sentite cadere all'indietro, il vostro corpo si sta allontanando, ovvero sta respingendo quella sostanza perché la ritiene non salutare.

A volte si otteniene una reazione ben determinata, altre, invece, non si è sicuri della risposta ricevuta dal nostro corpo. Se ritenete che non state ottenendo una risposta specifica, prendete le seguenti misure:

  • Ripetete il test. Accertatevi di fare un profondo respiro e di vuotare la testa da ogni pensiero.
  • Bevete un bicchiere di acqua, il vostro organismo potrebbe essere disidratato.
  • Se possibile, togliete il prodotto dalla confezione in modo che sia a contatto con la vostra pelle.
  • Programmate il vostro corpo, ditegli che deve andare in avanti se il prodotto gli fa bene (o per dire "sì") ed all'indietro se gli fa male (o per dire "no").

graffa.gif graffa.gif


IL TEST CON LA RADIESTESIA (2) up.jpg

La parola "Radiestesia" (coniata dall'abate Alex Bouly nel 1929) deriva da due radici, una greca radius, raggio e l'altra latina aistetis, sensibilità.

La Radiestesia è una forma di percezione extrasensoriale che permette all'uomo di mettersi in contatto con il mondo che lo circonda in un modo tutto particolare, assai più preciso e profondo di quanto non riuscirebbe a fare con i suoi cinque sensi. Tuttavia per poter praticare con successo la Radiestesia è necessario esercitarsi con costanza e pazienza, e questo non solo per affinare la propria sensibilità e sviluppare le proprie doti psicofisiche, ma soprattutto per impadronirsi con sicurezza delle tecniche e dei metodi di questo tipo di ricerca.

Una persona sufficientemente sensibile, utilizzando la Radiestesia a scopo medicale, può analizzare l'organismo umano e stabilirne le condizioni. In un secondo tempo potrà anche fare una scelta al fine di determinare la dieta o le cure più adatte per mantenere o riconquistare uno stato di buona salute.

Come testare con la Radiestesia up.jpg

Se siete dotati di un minimo di sensibilità radiestesica, potete utilizzare il seguente test al fine di valutare quanto è valida una bevanda, oppure un alimento, vitamina, minerale o integratore alimentare. Attenzione: è altamente sconsigliabile utilizzare questo test al di fuori della scelta dei prodotti citati.

Ciò che vi serve è un "pendolino", ovvero un piccolo oggetto (anello, sferetta, piombino da pesca da 5 gr, dado, ecc.), sospeso ad un filo di nailon o ad una catenella per evitare che giri su se stesso.

Ottenuto il pendolino:

  • 1. Ponete il prodotto da misurare su un foglio di carta bianca.
  • 2. Soffiate sul pendolino per togliere eventuali residui magnetici.
  • 3. Sospendete il pendolino sopra il prodotto e chiedetegli: "Per favore, gira fintanto che ti sarai caricato con le radiazioni emesse da questo prodotto". Il pendolino dovrebbe iniziare a girare e continuare a farlo per 10-30 secondi. Se non gira insegnategli come deve girare imprimendogli un movimento in senso orario. Dopo avergli insegnato come deve girare ritornate al punto 3.
  • 4. Quando il pendolino si ferma infilate la vostra mano libera, con il palmo in giù, tra il prodotto ed il pendolino. Chiedete ora al pendolino di continuare a girare nel senso in cui girava prima se il prodotto vi fa bene, di girare in senso contrario se vi fa male oppure oscillare se è neutro.
  • 5. Prendete nota del senso della rotazione e della sua vivacità, sono le due indicazioni che vi servono per conoscere se vi conviene utilizzare quel prodotto oppure no.

Nota: al posto della vostra mano potete chiedere ad un'altra persona di infilare la sua, al fine di vedere quanto è valido, per lei, quel dato prodotto.

I medici e i terapeuti troveranno un corso completo di Radiestesia nell'area riservata del sito www.procaduceo.org, per registarsi cliccare qui.

Conclusione up.jpg

Divertitevi pure a seguire le indicazioni del vostro istinto e ricordate che tutti i test descritti danno una risposta che è valida solo per il momento in cui lo fate. Pertanto, se il test vi dice di assumere o non assumere un dato prodotto, seguite tale indicazione per qualche giorno e poi rifate il test.

Attenzione!, prima di usare le informazioni ricevute, valutatele sempre utilizzando il BUON SENSO, e ricordate che non possono sostituire il parere del medico a cui bisogna rivolgersi per ogni problema di salute.

Riferimenti Bibliografici up.jpg

  • 1. Metzger WJ, Walden B, Sinar DR, Brestel EP, Chronic fatigue syndrome: atopy, rhinitis, fibromyalgia. Evidence for delayed muscle relaxation. - J Allergy Clin Immunol 1989; 83; 1: 212
  • 2. Michel Moine, Guida alla Radiestesia.
    Armenia Editore.

Bibliografia up.jpg

  • An Introduction to Medical Radiesthesia and Radionic,
    by Vernon D. Wethered, B.sc. The C.W. Daniel Company Limited, London, 1974.
  • Giorgio Lakhovski, La natura e le sue meraviglie,
    Fratelli Bocca Editore, Milano, 1938.

Siti in Internet up.jpg

  • AIR - Associazione Italiana Radiestesisti
    L'Associazione è nata per:
    • incoraggiare, sostenere, dirigere e sorvegliare le ricerche in tutti i campi della radiestesia;
    • orientare lo studio della radiestesia su un piano razionale al fine di ottenere, attraverso esperimenti condotti con metodo e classificati, risultati statisticamente attendibili;
    • controllare e convalidare i successi annunciati e provvedere alla loro eventuale divulgazione;
    • rappresentare ufficialmente la Radiestesia Italiana in campo internazionale.
  • Progetto Caduceo (www.procaduceo.org)
    Un approccio olistico alla Diagnosi ed alla Terapia.
    I Medici ed i Terapeuti troveranno in questo sito un Corso di Radiestesia Medica, gratuito, ed alcune schede Diagnostico/Terapeutiche di Medicina Olistica.








left.jpg Torna indietro  
"www.procaduceo.org"
Una proposta per un approccio olistico alla diagnosi ed alla terapia