Progetto Caduceo
Sommario del sito Home page

SCHEDE TERAPEUTICHE

EMORROIDI

Sommario


Importante: quanto qui proposto fa parte di un approccio olistico alla malattia, pertanto relativamente nuovo, che si è dimostrato efficace. Non asseriamo, con questo, che queste scoperte siano state scientificamente confermate e che rappresentino la verità in assoluto. Vi incoraggiamo perciò a studiare, sperimentare, e trovare la verità da voi stessi.

Ricordiamo che le informazioni fornite sono ad esclusivo scopo informativo e non sostituiscono il medico a cui bisogna rivolgersi per i problemi relativi alla salute.


Definizione up.jpg

Le emorroidi sono delle dilatazioni dei vasi venosi dell'ano, l’ingrossamento rende doloroso il passaggio delle feci e dei gas e ne riduce la tenuta.

www.salus.it/az/emorroidi.asp

Le emorroidi sono dei cuscinetti di tessuto, con molti vasi sanguigni, che rivestono la parte inferiore del retto. La loro funzione è quella di chiudere completamente il canale anale, contribuendo alla continenza fecale.

Quando questi tessuti subiscono delle modificazioni, si generano dei sintomi caratteristici di una malattia comunemente denominata "emorroidi". Queste sono uno dei problemi più comuni dell'intestino, anche se non se ne conosce il numero reale di casi in quanto solo una minoranza dei pazienti consulta il suo medico, anche se e ricadute sono frequenti.

I calcoli fatti nei paesi industrializzati, indicano che ne soffra almeno il 50% della popolazione adulta, specialmente fra i 45 e i 65 anni, senza notevoli differenze fra i sessi.

Classificazione

  1. Esterne: poste vicino all’orifizio anale e ricoperte da uan cute sensibile,
  2. Interne: poste all’interno dell’ano, però ne possono uscire saltuariamente o stabilmente.

La suddivisione anatomica le suddivide in:

  • 1° grado: ectasie vascolari del canale anale (sanguinanti o meno),
  • 2° grado: prolassano (escono) solo con la defecazione, tendono a rientrare spontaneamente,
  • 3° grado: prolassono evacuando, ma si possono far rientrare manualmente,
  • 4° grado: emorroidi prolassate. Sono stabilmente esterne e spesso trombosate (con grumoli di sangue).

Nel caso di quelle di 3° o 4° grado il sanguinamento della mucosa prolassata può essere tale da costringere il paziente all’uso del pannolino. Questo problema, potrà generare un’anemia sideropenica microcitica. In altre parole, una carenza di ferro (sideremia) e globuli rossi più piccoli.

Vi possono essere delle emorroidi grandi che non creano problemi, e delle emorroidi piccole, ma che vanno eliminate perché possono dare complicazioni.

Sintomi up.jpg

Il primo sintomo è un sanguinamento rettale rosso vivo, non misto alle feci e senza dolore. In seguito si verifica il prolasso (uscita) solamente con la defecazione, ma le emorroidi rientrano spontaneamente.

Anche un persistente prurito anale potrebbe indicarle, ma vi sono anche altri motivi, tra cui una forte parassitosi, una non accurata pulizia dell'orifizio anale (a causa dall'edema intorno all'ano), e dalle fastidiose perdite, spesso dovute a una aumentata produzione di muco che se ne fuoriesce dai tessuti prolassati.

Il dolore si verifica solamente quando le emorroidi prolassate presentano infiammazione e edema, o quando è presente una lesione dolorosa, ad es. una ragade.

Nelle emorroidi prolassate si possono formare dei coaguli di sangue (trombi), in questo caso può avvenire la rottura spontanea della vena e la fuoriuscita dei trombi. Si tratta di una condizione tanto più dolorosa tanto più il sangue è abbondante. Il dolore può essere alleviato con con un semicupio tiepido (il sedere messo a mollo). Va notato che il semicupio può dare solo una soluzione temporanea del disturbo.




APPROCCIO MEDICO UFFICIALE

Patogenesi up.jpg

L’esatta causa della malattia emorroidaria è ancora sconosciuta. Sembra accertato che concorrano i seguenti fattori predisponenti:

  • abuso di clisteri o lassativi,
  • abitudine di star seduti sul water, ad es. per leggere,
  • alimentazione scorretta (scarsità di fibre e scorie vegetali, impiego di cibi irritanti, es. spezie, peperoncino ecc.
  • età, dai 40 ai 60 anni, raramente nell’infanzia,
  • fattori ereditari,
  • gravidanza,
  • ipertono dello sfintere interno, dimostrabile con manometria rettale. Questo crea una elevata pressione nel canale anale e rende difficile il ritorno del sangue venoso verso il fegato prima e il cuore poi,
  • patologie epatiche che, come nel punto precedente, rendono difficile il deflusse del sangue dalla fine dell'intesitno retto al cuore,
  • posizione seduta protratta per lungo tempo (es. classico le emorroidi del camionista),
  • gruppo etnico: predomina tra gli Ebrei, gli Anglosassoni, i Turchi e gli Egizi,
  • sesso, predomina quello maschile,
  • stitichezza o diarrea cronica.

La gravidanza può indurre ed anche aggravare le emorroidi, soprattutto nella fase del parto.

Diagnosi up.jpg

Si avvale dell’ispezione della regione esterna all'ano. Si considerano anche l'entità del sanguinamento e dell’irritazione. Si può anche fare un'esplorazione digitale al fine di percepire il tono dello sfintere ed escludere altre patologie (ad es. cancro del retto).

Esami quali la rettoscopia o anoscopia, permettono di escludere altre tiologie di lesione infiammatoria del canale anale (displasica o neoplastica) e valutare, in retrovisione, la congestione del plesso mucoso interno.

Prevenzione up.jpg

Pulizia locale con semicupi tiepidi. Evitare la carta igienica che tende ad irritare, preferire il cotone idrofilo imbevuto di olio di mandorle.

Regime alimentare: niente bevande alcoliche, spezie, pepe e/o peperoncino. Usare cibi naturali e ricchi di scorie e semplici. Nei casi di stitichezza aiutarsi con lassativi come il lattulosio ed evitare i purganti irritanti come l'olio di ricino, la cascara sagrada, ecc.

Terapia up.jpg

Le emorroidi che danno pochi fastidi possono essere curate con il cambiamento di certe abitudini di vita (alimentzione, meno stress, ecc.) o con medicine appropriate.

Quando le emorroidi sono di 3° o 4° grado, vengono operate con un ricovero breve, generalmente una notte, ed in anestesia generale o spinale. Altri tipi di emorroidi possono essere curate con metodiche ambulatoriali, quindi senza ricovero, e senza forti dolori postoperatori.

Farmaci:

  • Uso pomate cortisoniche o clismi medicati con corticosteroidi o 5-ASA.

Tipi di intervento:

  • Asportazione in anestesia locale,
  • Legatura elastica, eseguita con anelli di gomma che, stringendolo alla base il gavocciolo emorroidario, ne causa lo strangolamento, poi se ne cade dopo due o tre giorni,
  • trattamento sclerosante per emorroidi di 1° e 2° grado, sconsigliato per il 3° grado in quanto le sostanze sclerosanti possono fluire fino al fegato,
  • criochirurgia (krio=freddo), con cui si applicano basse temperature. Viene usata un'apparecchiatura che impiega il protossido d'azoto o altri gas. Si sfrutta il principio della loro espandibilità e, tramite una sonda, si lavora in una zona ben precisa, la cui temperatura viene abbassare a circa -90°C. Talvolta viene usata al posto della chirurgia tradizionale, la diatermocoagulazione e la chirurgia laser.

Le tecniche ambulatoriali

  • Milligan Morgan modificata. Viene usata una nuova tecnologia (radiofrequenza-ligasure o ultrasuoni-ultracision).
  • Mucoprolassectomia sec. Longo con la suturatrice meccanica.
  • Dearterializzazione emorroidaria transanale - Metodo THD. Si tratta di un metodo con validità scientifica e la cui efficacia e sicurezza sono state confermate dal prestigioso ente britannico NICE.
    Chi soffre o ha sofferto di emorroidi, conosce bene i gravi disagi conseguenti alla malattia: il sanguinamento, il prolasso della mucosa e il dolore conseguente al trattamento chirurgico con metodiche tradizionali. Il metodo THD affronta e risolve efficacemente questi problemi: riduce l'iperafflusso arterioso alle emorroidi e corregge l'eventuale prolasso riposizionando la mucosa nella sua sede naturale.
    L'intervento viene effettuato in una zona priva di terminazioni nervose e in questo modo si elimina il principale problema delle metodiche chirurgiche tradizionali: IL DOLORE.
    L'intervento con il metodo THD è inoltre mini-invasivo, perchè non comporta l'asportazione di tessuti, ed è assolutamente sicuro. Sito www.thdlab.it

Possibili complicanze dopo-intervento:

  • Cicatrizzazione ritardata,
  • Dolore allo sfintere protratto,
  • Ritenzione urinaria,
  • Senso di peso pelviperineale,
  • in rare occasioni: emorragia, incontinenza.




APPROCCIO OLISTICO

Nessun trattamento medico attuale può sinceramente vantare un'alta percentuale di successi, infatti, per poterlo fare, dovrebbe essere dedicato alla rimozione delle cause originarie della malattia (Dr. J.H. Tilden).

Patogenesi della malattia emorroidaria up.jpg

Contrariamente a quanto generalmente creduto non sono i reni che filtrano il sangue dalle sostanze tossiche, bensì il fegato. Quest'organo è intensamente implicato nell'attività con cui vengono rimosse dal sangue le molecole potenzialmente nocive oppure estranee come l'alcool, le droghe, i farmaci, ecc. I reni, invece, discriminano tra ciò che deve restare nel sangue e ciò che deve uscirne tramite l'urina. Date queste premesse non dovrebbe essere difficile comprendere quanto sia importante quest'organo, che non solo purifica il sangue, ma adempie ad altre importanti funzioni.

Ciò che ci interessa, per comprendere la causa profonda della malattia emorroidaria, è il fatto che il sangue, dopo aver nutrito tutti gli organi del tratto gastrointestinale, intestino retto e ano compresi, torna al cuore passando attraverso il fegato. Questo significa che una anomalia del fegato può rendere difficile il deflusso del sangue che cercherà altre vie di sbocco, provocando emorroidi, varici all'esofago e agli arti inferiori.

I problemi dovuti al sangue stagnante

Tratto da: Healing Magnetism, di Leslie O. Korth, pp. 56-57. Samuel Weiser INC, London, 1975.

Facendo delle verifiche con filmati a Raggi X ed altri mezzi, si è potuto constatare che se una persona non respira in modo sufficiente vi è una parte di sangue che rimane stagnante nel fegato perché la quantità di energia introdotta non è sufficiente.

Quasi un terzo del sangue totale viene così tenuto fuori della circolazione generale e non può partecipare alla respirazione esterna e tantomeno a quella capillare. Da questo fatto possono insorgere una congestione del fegato, crescite anomale di tessuto ed anche una condizione tossica fonte di molti altri guai (vedi le emorroidi, Ndr.).

Approccio terapeutico olistico up.jpg

Scopri un modo naturale ed altamente efficace, per sbarazzarti delle emorroidi e impedire loro di tornare. Scopri oggi Emorroidi Addio! Clicca qui.

Brani tratti da un articolo di Catia Trevisani, pubblicato sulla rivista AAM Terranuova,
e prelevato da: www.ben-essere.net/index.asp?c_articolo=28

In caso di emorroidi, oltre all'intestino occorre riequilibrare sempre anche fegato e milza, due organi che contribuiscono alla salute delle vene e quindi anche dei plessi emorroidari. Se l'energia della milza è debole, essa non riesce a nutrire sufficientemente il tessuto connettivo e di conseguenza, le pareti dei vasi si sfiancano più facilmente.

Pertanto è importante evitare, oltre ai cibi raffinati (la milza soffre per l'eccesso di zucchero, mentre è nutrita e riequilibrata dal consumo di cereali) gli alimenti grassi e quelli che scaldano eccessivamente, come latte, formaggi, insaccati, carni rosse, cioccolato e caffè.

È bene ridurre il consumo di carne, eventualmente sostituendo le rosse con le carni bianche o, meglio ancora, dando la preferenza a pesce e legumi come fonte proteica. Sempre per evitare di appesantire il fegato è bene preferire le verdure verdi e ridurre il consumo di solanacee, in particolare pomodori, peperoni e melanzane.

Numerose osservazioni testimoniano il legame diretto tra dieta ed emorroidi. Raramente, infatti, questa patologia si riscontra in paesi in cui la dieta è ricca di fibre e povera di alimenti raffinati. Una componente importante delle emorroidi è la stitichezza, a causa del maggior sforzo richiesto dalla defecazione che aumenta la pressione intraddominale e ostacola il ritorno venoso. Inoltre, la maggiore pressione aumentando la congestione pelvica può indebolire la parete venosa, facilitando la formazione di emorroidi.

Meglio le fibre

In definitiva, un'alimentazione ricca di fibre è il modo più efficace per prevenire le emorroidi. Cereali integrali, verdura, legumi e frutta promuovono la peristalsi intestinale, molti componenti delle fibre richiamano acqua e le feci diventano soffici e corpose, facili al passaggio. Inoltre verdura e frutta contengono molti nutrienti che aumentano l'integrità della parete venosa, in particolare sono importanti i bioflavonoidi, le vitamine A, C, E, il complesso B e lo Zinco.

Mirtilli, ciliegie e more sono particolarmente ricchi di bioflavonoidi; albicocche, meloni, zucche, carote e di nuovo mirtilli contengono vitamina A; agrumi, fragole, ribes, broccoli, cavolini di Bruxelles, cime di rapa, prezzemolo, crescione e spinaci contengono vitamina C; cereali integrali e il lievito di birra in scaglie le vitamine del complesso B; mentre lo Zinco è presente in semi oleosi, avena, grano, grano saraceno, mandorle, nocciole, piselli, rape, prezzemolo, aglio, carote.

Miso, alghe e mochi

Alcuni alimenti, proposti dalla macrobiotica, possono svolgere un ruolo molto efficace nella cura e prevenzione delle emorroidi. In particolare, un cibo particolarmente curativo per le vene è il miso, ottenuto dalla fermentazione di soia e orzo, riso o grano. Il miso, dal sapore molto salato, è utilizzato come condimento soprattutto per le zuppe. Oltre a depurare il fegato e migliorare la circolazione venosa, ristabilisce la flora batterica intestinale, ed è indicato per stitichezze e flatulenze. Grazie alle proprietà di alimento alcalinizzante, è indicato nelle patologie da accumulo di acidi, tra cui le artriti; infine tonifica l'energia renale e quindi migliora il tono generale.

Anche le alghe sono un ottimo alimento nella cura delle emorroidi. Aggiunte all'acqua di cottura di legumi e cereali, eliminano il calore interno che peggiora le emorroidi e migliorano la peristalsi intestinale, grazie alle mucillagini che richiamano acqua e accarezzano la mucosa intestinale. In particolare l'alga kombu è ottima per l'intestino; mentre la wakame è più indicata per il fegato. La prima si aggiunge alla cottura dei legumi, la seconda nelle minestre.

Un altro alimento molto adatto per fortifica la milza (e oltrettutto buon ricostituente) è il mochi. Si tratta di piccoli panetti di riso dolce che si possono scaldare a fiamma bassa. Si gonfiano e possono essere consumati come un dolcetto se si spalmano di miele, marmellata o crema di nocciole.

Impacchi di ricotta e bagni freddi

Altri rimedi efficaci contro le emorroidi sono gli impacchi locali di ricotta e i semicupi freddi; in caso di prolasso delle emorroidi è meglio utilizzare prima acqua tiepida per ammorbidirle e poterle riposizionare all'interno del retto con una leggera pressione, infine acqua fredda per tonificare, disinfiammare e provocare vasocostrizione. In ogni caso è bene evitare la vita sedentaria e lo stare in piedi fermi troppo a lungo.

È invece utilissimo camminare, fare delle belle passeggiate e respirare profondamente, poiché il movimento del diaframma facilita la risalita del sangue venoso. Come sempre uno stile di vita sano è la migliore prevenzione ed il massimo complemento di ogni cura.

Un intervento interessante (by Mauro) up.jpg

Brani tratti dal Blog di Jacopo Fo, per gentile concessione di: www.jacopofo.com/?q=node/1918
Per leggere tutti gli interventi, ne vale la pena perché si trovano molti e utili suggerimenti, cliccate qui.

Ringrazio gli intervenuti e Jacopo per i buoni consigli. Vorrei aggiungerne qualcuno. Premetto che quanto riporto - a memoria - è farina del sacco di una dottoressa naturopata della quale ho frequentato diversi corsi, circa una ventina di anni fa, e della quale ho perso ogni contatto. È la dottoressa Mercedes Salimei.

Sconsigliava di farsi operare: non serve a nulla, che poi le emorroidi ritornano. Il retto è solo l'ultima parte dell'intestino: se compaiono le emorroidi il problema riguarda comunque tutto l'intestino.

Ogni organo vitale ha un proprio specifico rapporto acido-base. L'intestino in condizioni ottimali è tendenzialmente basico (o alcalino). Quando si acidifica troppo - e questo vale per tutti gli organi vitali - in pratica si infiamma; l'infiammazione trascurata deteriora poi l'intestino stesso: le emorroidi sono solo il culmine di un processo che dura anni e anni.

Il problemaccio è che questo rapporto acido-base è quasi sempre ereditario: significa che se abbiamo un intestino tendenzialmente troppo acido - e ce ne accorgiamo perché siamo tendenzialmente diarroici o perché comunque le feci non si formano bene e non galleggiano, dobbiamo sempre avere un po' di riguardo, perché l'intestino rimarrà un nostro punto debole e tenderà ad essere infiammato.

Se nasciamo con un intestino sano ci ammaleremo magari da un'altra parte, ma non lì. I problemi ereditari sono molto tenaci: è relativamente facile curare e risolvere una contusione o un'influenza, ma per le nostre impostazioni di base c'è un sistema organico (che grossomodo fa capo al sistema linfatico e al neurovegetativo) che tende a mantenerle stabili; le curiamo, ma sono sempre lì.

Per risolvere il problema dell'acidità la dottoressa consigliava di usare il CLORURO DI MAGNESIO (dettagli), che è un sale dal sapore molto amaro; è igroscopico, e significa che se non lo conserviamo in un contenitore ben sigillato si combina con l'umidità dell'aria e diventa liquido (comunque non perde la propria efficacia).

... Come saprete, le verdure - soprattutto quelle verdi e selvatiche - sono ricche di magnesio; ma in quelle coltivate coi metodi moderni e che possiamo reperire ai mercati delle nostre città ce n'è una quantità inferiore e spesso per noi insufficiente.

Nota del Progetto Caduceo. Tra i vari supplementi integratori di Magnesio, che abbiamo avuto modo di sperimentare, uno valido è il "magnesio 188", della Long Life.

Lo stesso avviene per la preziosa vitamina C, si forma nella frutta all'ultima fase della maturazione; ma ai mercati la frutta così matura arriverebbe sfatta, quindi viene raccolta ancora acerba; anche perché diventa praticamente impossibile conservarla nei frigo (dove la frutta deposita prima di arrivare ai mercati): la frutta matura marcisce in fretta. Abbiamo quindi bisogno di assumere piccole dosi di ACIDO ASCORBICO ALIMENTARE (che è la vitamina C pura). Costa molto al chilo, ma proprio per questo nelle caramelle o nei prodotti dove è indicato che la vitamina C è contenuta, di acido ascorbico non ne mettono mai troppo!

Di CLORURO DI MAGNESIO (dettagli), se ne prende - come integratore - circa mezzo cucchiaino scarso al giorno e per cicli di 20 giorni; poi magari ci si ferma per un periodo e si riprende; oppure se ne può assumere la stessa dose ogni tanto, quando necessita.

Ricordatevi che il Magnesio è un potente disintossicante, del fegato e di tutti tessuti; quindi specialmente al giorno d'oggi che conviviamo con le nostre intossicazioni è bene farne uso. Addirittura, però nelle dosi massicce che ho indicato per gli attacchi di tetano o di poliomelite (3 cucchiai per litro), è in pratica un potente antidoto naturale per il veleno dei serpenti. Se ad esempio vi recate in posti dove è possibile veniate morsi da un serpente velenoso, non andateci mai senza perché vi salva la vita.

Inoltre, il Magnesio è un grande protettore del sistema nervoso. Ad esempio per il "crampo dello scrittore" (oggi ormai si usano solo le tastiere, ma agli studenti ancora succede), cioè quando fa male il polso a forza di scrivere in fretta, si usa il fosfato di magnesio. Se il problema è a livello dello stomaco si usa invece l'Aspartato, che si presenta in scaglie, mentre il CLORURO DI MAGNESIO (dettagli), è cristallino come il Cloruro di Sodio (sale comune) nella nostra cucina.

Quando il problema dell'acidosi è arrivato fino all'intestino (e arriviamo finalmente alle nostre emorroidi), è più indicato il Magnesio come Cloruro perché ha un'azione più generale.

... Per correggere l'acidosi intestinale - responsabile delle emorroidi - aumentate il dosaggio: provate con un cucchiaino di CLORURO DI MAGNESIO (dettagli), forse meglio se lo assumete in due volte durante la giornata; se sentite che il vostro organismo lo richiede aumentate un po' la dose, ma non esagerate: se ne assumete troppo - e questo vale per tutti gli integratori alimentari ed in genere per gli alimenti che assumiamo, vi fa l'effetto esattamente contrario, e in questo caso vi acidifica ancora di più.

Si beve diluito in acqua circa venti minuti prima dei pasti (importante, subito la mattina a digiuno) per circa venti giorni. Corretta l'acidosi intestinale, gradatamente le emorroidi rientrano. Insistete e vedrete i risultati.

Se però siete arrivati al punto di averle già grosse, per dire, come ciliegie, fatevi coraggio perché siete costretti a farvi operare: c'è un punto di non ritorno, variabile da persona a persona, in cui l'organismo non riesce più a riassorbirle perché lo sfintere - che è un muscolo - si è troppo deteriorato.

Come vi ho detto, le emorroidi sono la conclusione di un'acidosi trascurata da anni, in cui tutto l'intestino tende a diventare ulceroso; comunque saprete poi come si prevengono per il futuro. A proposito: non vi spaventate del saporaccio, specie le prime volte che lo assumete; poi generalmente l'organismo lo gradisce e ci si fa l'abitudine.

Naturalmente non è tutto qui; non basta il Magnesio, e ci sono correlazioni importanti con il fegato, la cistifellea e anche col sistema nervoso: lo stress e l'emotività sono un metodo infallibile per acidificare l'intestino o per degenerare fegato e cistifellea.

Avete letto un intervento tra i tanti, se volete leggere tutti gli altri, e trovare molti e utili suggerimenti, cliccate qui.

Suggerimenti vari dal Progetto Caduceo up.jpg

Stanco delle emorroidi? Scopri come curarle e prevenirle in modo permanente con Emorroidi Addio: un validissimo programma per il trattamento a casa delle emorroidi, senza medici o interventi chirugici. Per dettagli clicca qui.

La stitichezza è un problema che va corretto, infatti, diminuendo la consistenza delle feci, si rende anche più facile l'evacuazione. Più sopra abbiamo visto alcune utili indicazioni, a cui aggiungiamo l'eventuale uso di prodotti a base di psyllio (ad es. Fibrolax, Psyllogel). Questi lassativi agiscono sul volume e sulla consistenza delle feci e possono aiutare, gli altri, invece, nel tempo possono risultare pericolosi.

Se il prurito diventa intollerabile può essere alleviato mediante un'accurata igiene locale utilizzando acqua tiepida e sapone acido. Per asciugare evitare di sfregare, ma tamponare delicatamente. Un'altro modo per ottenere sollievo è quello di farsi dei frequenti "bidè" con acqua tiepida, della durata di alcuni minuti. Suggeriamo anche l'unguento "Preparazione H", utile per emorroidi esterne ed interne, non complicate da ragadi anali.

E se abvete lo stimolo... non ignoratelo e non interrompete un'evacuazione già iniziata! Non state seduti sul water più a lungo del necessario, magari intenti in una piacevole lettura, ed evitate pure di sollevare oggetti pesanti.

Le ciambelle gonfiabili in plastica, usate per sedersi, vanno evitate perché aumentano la pressione verso il basso, peggiorando le condizioni nella zona delle emorroidi.

Assumere un integratori di Magnesio, tra tutti quelli che abbiamo avuto modo di sperimentare, uno valido è il "Magnesio 188", della Long Life.

Per verificare se un alimento o un prodotto vi fa bene, oppure no, potete utilizzare il test radiestesico o kinesiologico. Per dettagli cliccare qui.

COME ASSUMERE IL CLORURO DI MAGNESIO up.jpg

Vi sono due possibili soluzioni, la prima è quella di utilizzare le tavolette da 1 gr cadauna, e la seconda riguarda l'utilizzo di una soluzione che va preparata comperando il Cloruro di Magnesio cristallizzato.

1. Utilizzo delle tavolette:

Assumere 2-3 tavolette da 1 gr al giorno. Non superare la dose consigliata. Gli integratori alimentari alimentari non vanno intesi come sostituto di una dieta variata.

In farmacia potete ordinare le tavolette di Cloruro di Magnesio prodotte dalla Casa Sentieri SL, Barcellona, Spagna. Il prodotto è importato e distribuito in Italia dalla Ibersan SRL, Forlì
( www.ibersan.it/ ). Dette tavolette vanno tenute in frigorifero.

2. Utilizzo della soluzione:

La soluzione di Cloruro di Magnesio va preaparata sciogliendone 20-25 (max 33) grammi in un litro di acqua. Dopo aver ben mescolato, conservare in recipienti di vetro, non in contenitori di plastica.

Una dose equivale ad una tazzina di caffè.

In alternativa si può comperare in bustine pre-confezionate. Una bustina rappresenta una dose giornaliera da aggiungere a 125 ml d'acqua. È più costosa, ma più semplice da usare.

In certi casi può anche essere benefica 1 punta di cucchiaino da the, sciolto in mezzo bicchiere di acqua da bere al mattino a digiuno. Questo sale è contenuto in notevole quantità nel sale marino integrale, è un ottimo rinforzante del sistema immunitario e tonico del sistema nervoso e muscolare. È adatto in tutte le malattie cosiddette infettive in quanto aumenta notevolmente la potenza fagocitaria dei globuli bianchi.

Per il trattamento delle malattie acute (influenza, raffreddore, bronchite, raucedine, mal di gola, rosolia, morbillo) è opportuno che le dosi di seguito indicate vengano inizialmente somministrate ogni 6 ore. In reazione a miglioramento ottenuto si potrà poi somministrare la dose sogni 8-12 ore.

La somministrazione deve, continuare per 5-6 giorni anche dopo scomparsa dei sintomi più fastidiosi (febbre, arrossamento, dolore alla gola, secrezioni nasali, ecc.).

  • Per i bambini fino ai 2 anni: 60 ml (circa 3 cucchiai da minestra).
  • Per i bambini di 3 anni: 80 ml (circa 4 cucchiai da minestra).
  • Per i bambini di 4 anni: 100 ml.
  • Per gli adulti e i bambini sopra i 5 anni: 125 ml (circa due tazzine di caffé).
  • È possibile che la somministrazione frequente (come quella necessaria nelle fasi più acute della malattia) determini un leggero effetto lassativo. A parte il fatto che la pulizia dell'intestino, nella maggior parte dei casi, influisce favorevolmente sull'evoluzione della malattia, il fenomeno è comunque transitorio.

    Potrà in ogni caso essere utile ridurre la quantità di ogni singola dose, mantenendo invece invariata la frequenza.

    Un altro problema, specialmente se il Cloruro di Magnesio è destinato ai bambini, è costituito dal sapore molto amaro della soluzione. Si potrà tentare di rammentare loro che la Fata Turchina, nel somministrare a Pinocchio un farmaco, diceva espressamente che "la medicina più è amara e più fa bene".

    Ma probabilmente un intervento più efficace per rendere meno sgradevole la pozione consisterà nella sua diluizione con acqua addizionata con succo di limone, zuccherata a piacere.

    La dose di Cloruro di Magnesio si può anche assumere bevendone piccoli sorsi ogni 15/20 minuti.

    Esistono in commercio anche le compresse, più facilmente ingeribili da parte di bambini ed anziani, dato il sapore del Cloruro di Magnesio. In genere le compresse sono di 1 grammo cadauna.

    Ricordiamo che alle volte al posto del Cloruro di Magnesio, è possibile utilizzare il Bicarbonato di Magnesio.

    Con il Bicarbonato di Magnesio, si ottengono entrambi i benefici citati cioè una integrazione di Magnesio ed una "alcalinizzazione" del nostro corpo. Cosa che il solo Cloruro di Magnesio non è in grado di fare.

    Consiglio importante

    Tratto da www.salvelocs.it/magnesiocloruro.htm

    Il Magnesio svolge un ruolo molto importante in numerose attività enzimatiche e nella trasmissione neuromuscolare. Rischiare una possibile ipermagnesiemia con una lunga terapia a base di questo sale non mi sembra opportuno...

    ... vogliamo mettere in guardia dai possibili effetti collaterali di una ipermagnesiemia. Una elevata concentrazione di magnesio nel sangue può verificarsi per un suo uso massivo o per un’insufficienza renale.

    Siti interessanti up.jpg




    ALCUNI LIBRI PER CURARE LE EMORROIDI NATURALMENTE up.jpg

    emorroidi.jpg

    E-book: Mai più emorroidi - Il sistema olistico in 5 punti per la prevenzione e cura di tutti i tipi di emorroidi

    Di Jessica Wright

    Stai cercando inutilmente di liberarti dalle emorroidi? Ti senti frustrato perché non sei in grado di eliminare le tue emorroidi e trovare sollievo dal dolore nonostante tutti i tuoi sforzi nell’applicare creme e prendere medicine?

    Se hai risposto affermativamente, allora lasciami dirti che io so esattamente come ti senti, perché io personalmente sono passata attraverso la stessa esperienza alcuni anni fa.

    Ho combattuto con una forma acuta di emorroidi per più di un decennio, fino a quando, alla fine, ho trovato una cura, mi sono liberata delle emorroidi permanentemente e ho aiutato migliaia di persone in tutto il mondo ad ottenere una libertà permanente da questa condizione.

    Mi Chiamo Jessica Wright e nel corso degli ultimi 12 anni, attraverso un lungo processo a base di tentativi, sperimentazioni ed errori, ho sviluppato un sistema a prova di bomba, garantito al 100%, testato clinicamente e sostenuto da più di 45000 ore di lavoro da parte di esperti nutrizionisti, allo scopo di eliminare le emorroidi per sempre. Si tratta di un raro, unico e potente sistema per curare le emorroidi, di cui poca gente è al corrente...

    Desidero che tu sappia la verità sulle tue Emorroidi e come tu possa curarle permanentemente. Questo è il motivo per cui ho scritto questo programma.

    Nel mio e-book rivelo tutti i segreti che ho scoperto, e ho messo assieme un trattamento passo per passo, semplice da seguire, che può alleviare dolore, prurito e sanguinamento, ed eliminare le tue Emorroidi, diagnosticando correttamente la tua condizione e attaccando le cause scatenanti.

    Il mio libro informativo ti prende per mano e mostra con linguaggio semplice tutto quello che potresti fare proprio in questo momento per eliminare le tue Emorroidi per sempre. Ho testato e perfezionato gli elementi chiavi del mio libro per anni per rendere il sistema il più semplice possibile da seguire, ma anche estremamente efficace per curare tutti i tipi di Emorroidi nel più breve lasso di tempo possibile.

    Per acquistare il volume direttamente in Internet clicca qui!




    emorroidi.jpg

    Volume cartaceo: Ernia, Emorroidi, Varici e Prolassi
    Come guarire senza farmaci o operazioni chirurgiche

    Di Albert Mosséri
    Macro Edizioni

    Il libro fornisce tutte le informazioni necessarie per poter risolvere con un approccio naturale e senza interventi chirurgici infermità come ernie, emorroidi, ptosi, varici e prolassi dell'utero. Con consigli pratici sullo stile di vita, suggerimenti ed esempi dietetici e numerosi esercizi fisici appropriati per prevenire e curare in modo del tutto naturale le ptosi degli organi addominali.

    Dalle ricerche dei medici igienisti americani di fine Ottocento, attraverso rivisitazioni e ammodernamenti del più noto igienista francese contemporaneo, ecco una mole di informazioni di grande valore ed efficacia per chi vuole affrontare le cause di questo tipo di patologie senza soffermarsi alla risoluzione dei sintomi, come avviene con i trattamenti abituali.

    L'approccio igienista costituisce un'alternativa di grande valore terapeutico e scientifico, vista la scarsa efficacia degli interventi chirurgici, la pericolosità, gli effetti collaterali e la breve durata dei miglioramenti conseguenti alle terapie di uso più comune.

    Un piccolo tesoro di rara efficacia e sicurezza per tutti.

    Albert Mosséri, ora ultraottantenne ma ancora molto operoso, è il più noto degli igienisti francesi. Al suo attivo ha più di venti opere e numerosi altri scritti. In Francia, dove vive, ha fondato una casa di cura dove negli anni ha seguito nelle pratiche del digiuno idrico più di tremila pazienti affetti da ogni genere di patologia.

    Per acquistare il volume direttamente in Internet clicca qui.





    HEMAPRO

    Una formula unica per prevenire ed alleviare le dolorose emorroidi con effetto immediato.




    bannerok120x497.jpg








    bannerok120x497.jpg





    Sommario del sito Home page
    "www.procaduceo.org"
    Una proposta per un approccio olistico alla diagnosi ed alla terapia.